11 GP di Russia

19^ Edizione del Campionato Italiano di Formula 1 Virtuale
Rispondi
Maurizio Meneguz
Messaggi: 411
Iscritto il: 04/04/2017, 13:14

18/09/2018, 23:51

Di seguito gli argomenti riguardante il GP di Russia

GP di RUSSIA
Avatar utente
Luigi Ditrani
Messaggi: 142
Iscritto il: 26/04/2017, 22:47

19/09/2018, 22:36

Yes I can, simply, impact in to the wall
Maurizio Meneguz
Messaggi: 411
Iscritto il: 04/04/2017, 13:14

03/10/2018, 19:03

Gara molto anonima comunque mi qualifico con un tempo decente.
Sono indeciso su che setup usare quindi già si capisce come sono messo. Decido per il solito. Alla partenza non succedono particolari problemi e mi accodo. Sono in lotta con Luca Malingambi ma mi accorgo che lui va più forte, anche quando sbaglia e ritorna a 2 sec, per stargli dietro arrivo proprio al mio limite e pure l'asfalto molto scivoloso non mi aiuta. Decido di mollare e fare la mia gara che già ne ho abbastanza ad arrivare in fondo. Al 2° pit monto le gomme più morbide e mi accorgo d'essere in 4° posizione davanti a Luca. Vedo che riesco a difendermi forse complice la vettura più leggera, purtroppo nell'ultima curva vedo Luca Reale fermo di traverso. Riesco a schivarlo ma mi parte il posteriore e vado a sbattere spaccando l'ala anteriore. Gara compromessa e perso 2 posizioni. Arrivo 6° ma vabbè cosi.
Grande gara di Fortunato, ma pure per il suo compagno di merende, Luca. D'altronde più che meritata in quanto hanno provato molto e non hanno lasciato nulla al caso. Grande però il mio di compagno, Gigi ha fatto una grande gara ed effettuato il sorpasso più bello della gara. Ci si vede in Giappone dove si decidererà il campione tra i 3 superpiloti, sperando d'essere in molti e vinca il migliore.
Avatar utente
Aglio35
Messaggi: 444
Iscritto il: 02/08/2017, 11:16

04/10/2018, 6:50

Zero allenamento, zero forze e zero risultati. Spero di trovare il tempo di allenarmi un pochino per il Giappone.

Inviato dal mio SM-G925F utilizzando Tapatalk


Avatar utente
Luigi Ditrani
Messaggi: 142
Iscritto il: 26/04/2017, 22:47

04/10/2018, 23:47

Sono davvero contento ci voleva dopo tanta sfortuna.
Nelle qualifiche trovo qualche problema e non riesco ad esprimere il meglio ma non avrei fatto tempi esaltanti per cui mi concentro nel set di gara e decido di prediligere un set magari meno veloce ma molto più permissivo nelle reazioni. Lo trovo e devo dire che nei test della sera precedente con il pieno ho visto un 35.800 e molti 36 netti o bassi e mi sono detto dai ci siamo. Al via ero parecchio fiducioso per quanto riguarda la vettura ma ero molto preoccupato per quel gatto nero che non mi molla più da parecchio ormai per cui si parte un po così. Il primo via con bandiera rossa mi fa capire che la pista non era quella della sera prima, poco male lo sarà per tutti. Al secondo via sembra andar tutto bene quando Dardari si infila tra me e la vettura di Ivan inevitabilmente in quelle condizioni avviene sempre un contato infatti la sua ruota anteriore sinistra colpisce la mia posteriore destra facendomi da perso schizzo verso sinistra contro il povero Ivan che sbatte forte e riporta danni molto seri alla vettura, Franz non lo ha fatto certo volontariamente però porca miseria vedere Ivan spiaccicato contro il muro mi è dispiaciuto parecchio. Ma dopo qualche curva è Andrea Raiconi a perdere la vettura e intraversarsi in piena traiettoria. Federico non può evitarlo e colpendolo rompe l'ala, io sfilo alla loro sinistra in via di fuga, Maurizio va a destra e poi dopo qualche istante torna nella linea ideale cioè verso sinistra, proprio mentre io sono costretto a rientrare in pista a causa di un muretto di fronte che avrei urtato certamente, risultato un contatto che danneggia le sospensioni ad entrambe le nostre vetture. Ed eccola nuova tegola, mi spiace un sacco e me la porto dietro almeno per altri cinque giri, poi prendo il ritmo e attacco Luca Malingambi. Mi avvicino abbastanza in fretta ma poi cercare un attacco è difficile, qui in scia perdi un sacco di tempo perché manchi quasi tutti i vertici ideali delle curve, insomma tiro un bel respiro e cerco di capire e aspettare. Luca fa un errorino e quindi riesco a guadagnare la sua coda e in pieno rettilineo sfruttando la scia e il drs, vado verso destra ma lui quasi in staccata chiude molto bene quindi decido di provare un esterno che se finiva male ci lasciavo il fondo piatto sul cordolo alto ma invece è andata bene, davvero un bel sorpasso. Da li in poi tengo anche un buon passo ma una volta ai box fatta una sosta di 13 sec. 10 di danni e 3 di sosta rientro in pista e cerco di difendermi dal ritorno di Andrea che aimè non si ferma più mentre io devo fare un'altra sosta, cerco un recupero e guadagno circa 2 secondi ma poi rischio troppo e mi accontento di un ottima terza posizione.

Ringrazio tutti per i numerosi complimenti ed in particolare Maurizio e i compagni del Black Team, faccio i complimenti ad uno strepitoso Fortunato, ad Andrea, a Luca Malingambi e do una pacca sulle spalle perché meritavano sicuramente sorte migliore a Francesco, a Federico a Ivan e a Maurizio; e comunque bravi a tutti quelli presenti per lo meno per la voglia di esserci. Ci si vede in Giappone e stay tuned che nulla è deciso.

Ciao Gigi
Fortunato Catalano
Messaggi: 78
Iscritto il: 21/03/2018, 15:23

06/10/2018, 21:39

Si prospettava una gara durissima sia per la conformazione del tracciato che per gli avversari in pista, solo 10 millesimi tra me e Bargagni, e così è effettivamente stata.
Sochi non ti permette la minima distrazione e fare 53 giri in apnea è veramente complicato. Allo spegnimento dei semafori, riesco a scattare bene e arrivare in fondo al dritto mantenendo la prima posizione anche se sotto le ruote sembra quasi di star facendo rally in Svezia sulla neve.... passano solamente 5 curve e Maurizio avverte in chat della bandiera rossa, porca miseria tutto da rifare penso, dopo essere partito così bene.

Nuovo start, e fortunatamente nuovo buono spunto per me, che mi permette di mantenere invariate la mia posizione, negli specchietti vedo del fumo ma continuo senza distrarmi più di tanto, c'è Luca che mi avverte di quello che sta succedendo poco dietro. Stabilizzate le posizioni dopo i primi giri, con Francesco che mi alitava sul collo. approfitto di un suo errore per prendere una decina di secondi di vantaggio, a questo punto cerco solo di mantenere inalterato il vantaggio, non prendere rischi e salvaguardare le gomme per rimanere in linea con la mia strategia. Arrivo ad avere dopo il valzer dei pit-stop una trentina di secondi di vantaggio, questo mi permette di stemperare la tensione e guidare con più tranquillità fino alla seconda sosta. Montato l'ulitmo treno di gomme, decido di provare a movimentare un pò i miei giri perchè sto cominciando a deconcentrarmi non guidando al limite e realizzo il giro veloce in quei giri d'attacco. A 5 giri dal termine, tiro i remi in barca e porto senza rischiare nulla la macchina fino a sotto la bandiera a scacchi.

Faccio i complimenti a tutti, in particolare ad Andrea per la grande rimonta fino alla seconda piazza, a Francesco che fino a quando ha resistito nella sua postazione-tortura mi ha dato del filo da torcere, a Luigi per il podio e per il grande sorpasso sul mio compagno di scuderia Luca......e proprio a Luca, che oltre ad avermi messo a punto una vettura deliziosa, ha fatto una gara consistente che gli serviva per prendere coscienza del suo potenziale, con una sola sbavatura.
Infine i miei complimenti vanno a Federico e Ivan per la vittoria del campionato costruttori, il prossimo anno cercheremo di darvi ancora più battaglia!

Ci vediamo in Japan :)
Rispondi